The Weeknd – Starboy (Review) [XO, Republic; 2016] ★★★☆☆

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Abel Tesfaye, noto come The Weeknd, tenta con il nuovo disco, Starboy, di togliersi di dosso quello che rimane del successo commerciale di Beauty Behind The Madness.

 

Il disco è stato anticipato, oltre al singolo omonimo — prodotto da niente meno che i robot francesi e pionieri della house music Daft Punk —  e False Alarm, da un cortometraggio lungo 12 minuti, un “visual piece”: M A N I A. Lo shortpiece ci fa entrare nella dimensione del disco, un atmosfera di confidenza auto-distruttiva che porta l’artista ad essere perennemente in conflitto con se stesso: da una parte il successo commerciale e i privilegi che ne derivano, dall’altro la consapevolezza di doversi piegare all’industria del mainstream pop (“I just won a new award for a kids show/Talking ‘bout a face numbing off a bag a blow/I’m like goddamn, bitch, I am not a Teen Choice”, da Reminder)

 

L’album è lungo 18 canzoni, forse troppe. La prima metà del disco è ottima, i brani si susseguono l’uno dopo l’altro senza annoiare o risultare ripetitivi, ma dopo Sidewalks — brano dove Kendrick Lamar figura come featured artist, e nel quale contribuisce con uno dei suoi versi più interessanti degli ultimi mesi — l’intero progetto subisce un crollo di intensità e il materiale risulta quasi banale e già sentito; come in Six Feet Under, che ricorda non poco 6 INCH, la collaborazione con Beyoncé all’ultimo album della cantante.

 

Lo stile è più che mai vario in questo nuovo album, passando infatti dalle tipiche sonorità di The Weeknd, legate all’RnB, a quelle più funk di I Feel It Coming (altra produzione dei Daft Punk), arrivando alle atmosfere, ormai imperanti nel mondo del pop, di un nostalgico fetish per gli anni ‘80 (Secrets) e a pezzi dancefloor-ready, come Rockin’ , influenzati da una certa house inglese molto vicina ad artisti come i Disclosure.

 

Starboy è sicuramente il lavoro più lungimirante di The Weeknd prodotto finora, ma uscire dalla propria confort zone non dà sempre i risultati sperati: quando riesce, Tesfaye porta sul disco dei pezzi quasi perfetti, ballabili ma allo stesso tempo inconsueti per il pubblico al quale si rivolge. Non è un disco perfetto, ma i featuring di Daft Punk, Lana Del Rey, Kendrick Lamar e Future, il cortometraggio e il concetto generale che viene proposto pongono Starboy come uno fra gli essenziali album pop del 2016.

Lorenzo Cugnata  

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...