Project Almanac – Benvenuti a ieri

Film uscito nel 2014 negli Stati Uniti, diretto da Dean Israelite e prodotto da Michael Bay, di genere fantascientifico. In Italia uscì l’anno successivo, con l’aggiunta del sottotitolo: Benvenuti a ieri, che fa riferimento al tema centrale del film: i viaggi nel tempo. La trama è semplice, il protagonista è David (Jonny Weston), uno studente, ormai giunto all’ultimo anno di liceo, che ottiene una borsa di studio per il prestigioso MIT (Massachusetts Institute of Technology). La cifra si aggira intorno ai 5000 $, che purtroppo non sono sufficienti per pagarsi gli studi, vivendo solo con la madre, vedova da circa 10 anni. Proprio la madre (Amy Landecker) mette in vendita la casa, pur di esaudire il sogno del figlio. Ovviamente David non ci sta, per cui, con l’aiuto della sorella Christina (Virginia Gardner) e dei suoi amici Quinn (Sam Lerner) e Adam (Allen Evangelista), cerca nuove idee per un progetto scientifico che possa essere sperimentato. Il padre di David era uno scienziato e inventore, quindi i ragazzi cercano qualcosa da cui trarre ispirazione tra i suoi vecchi lavori, ormai abbandonati in soffitta, quando trovano una videocamera in cui è registrato il compleanno di David quando era bambino. Il video contiene un dettaglio particolare: guardando attentamente, si può vedere lo stesso David già adolescente, pensando in un primo momento ad un parente somigliante al ragazzo. In ogni caso, si decide di investigare. Ciò porterà i ragazzi a recarsi nello scantinato che il padre di David utilizzava come laboratorio personale, e qui troveranno uno scompartimento segreto, posizionato sotto il pavimento. Il tesoro trovato sembra essere un dispositivo in grado di distorcere il tempo, ma rimasto incompiuto. Quindi, un po’ per curiosità, un po’ per gioco, i ragazzi decidono di provare a completare questa “macchina del tempo”: durante una delle prove per verificarne l’effettivo funzionamento verrà coinvolta Jessie (Sofia Black D’Elia), che sarà fondamentale ai fini della trama. I ragazzi, come è prevedibile, non sapranno gestire il potenziale di una macchina così innovativa e pericolosa, per cui la situazione sfuggirà di mano al gruppo, ma soprattutto a David.

E’ un film piacevole, molte cose danno l’idea di “già visto”, ma comunque resta il merito di mescolare tra loro idee, prese da altri film dello stesso genere, e di creare una trama che non annoia. Considerando che il film non vuole essere un capolavoro della fantascienza, si riscontra la presenza di una scena contraddittoria: Adam, amico di David, subisce un grave incidente in una delle linee temporali che sono state create, ma si nota come il tutto dovesse accadere anche senza macchina del tempo (ciò che accade non poteva dipendere da una deviazione del passato).

Alcune curiosità sulla pellicola:

  • Nel film sono presenti riferimenti e citazioni ad altri film di fantascienza.

PROJECT ALMANAC

  • Durante il test, è presente una macchinina rossa con un timer, o ancora, si tenta di collegare un cavo di alimentazione che risulta essere troppo corto: si tratta di chiari riferimenti a “Ritorno al futuro”.

btf

  • Viene citato “Ricomincio da capo”, in occasione dell’interrogazione di chimica che viene continuamente ripetuta da Quinn.

rdc

  • Quinn va a trovare se stesso nel passato, mentre dorme, e scarabocchiandosi il collo, verifica che ciò si ripercuote su se stesso, quindi cita “Looper” per l’affinità della vicenda.

art-Looper2-620x349

  • La trama del film è un continuo tornare indietro nel tempo, nel tentativo di rimediare ai danni provocati, proprio come “The Butterfly Effect”.

st9sG2k

Tiziano Padovani

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...