Annunci
Mar. Nov 12th, 2019

L’impero delle luci – René Magritte

76.2553.102_ph_web

L’impero delle luci (in originale, L’Empire des Lumières) è un’opera di René Magritte del 1953-54 conservata nella Collezione Peggy Guggenheim di Venezia.

Realizzata a colori a olio, raffigura un paesaggio costituito da pochi elementi: un piccolo specchio d’acqua in primo piano e una casa con un grande albero a dominare la scena, cielo e vegetazione a fare da sfondo. Magritte divise il quadro in due scenari opposti: la notte e il giorno. Infatti, dipinse nella parte alta del quadro un cielo azzurro e limpido, attraversato da numerose nuvole bianche, mentre nella parte inferiore la casa, l’albergo e il lago sono immersi nel buio cupo della notte. Nonostante la realizzazione totalmente realistica e minuziosa, l’opera produce un senso di stupefazione nell’animo dello spettatore: il disorientamento è dovuto all’unione di due momenti come la luce e il buio che, nella realtà non possono coesistere. Ad accentuare l’effetto spiazzante è il contrasto fra la luce serena del cielo e le luci artificiali provenienti dall’interno della casa.

Sia il giorno che la notte producono una sensazione di pace e tranquillità e sembra facciano riferimento a luoghi metafisici e fatati.

Il titolo dell’opera si deve al poeta Paul Nougè. Magritte riconobbe il legame che si veniva a stabilire fra tale titolo e la tela, che in gran parte è immersa nel buio e celebra il mistero delle tenebre e dell’oscurità.

Nell’ “Impero delle luci” ho rappresentato due idee diverse, vale a dire un cielo notturno e un cielo come lo vediamo di giorno. Il paesaggio fa pensare alla notte e il cielo al giorno. Trovo che questa contemporaneità di giorno e notte abbia la forza di sorprendere e di incantare. Chiamo questa forza poesia.

E’ surreale, per l’appunto, come l’artista sia riuscito a realizzare un conflitto di immagini e un senso di inquietudine che, nonostante produca sbigottimento nell’osservatore, non lascia trasparire il suo l’intento; Magritte, senza abbandonare le tipiche tecniche convenzionali riesce a mettere in dubbio la percezione di come vediamo le cose e il mondo.

In quest’opera utilizza, infatti, la figura retorica dell’ossimoro, ossia, l’accostamento di elementi che esprimono concetti opposti: il giorno e la notte, il sole e la luna, la luce e il buio.

René François Ghislain Magritte (Lessines, 21 novembre 1898Bruxelles, 15 agosto 1967) è uno dei principali rappresentanti della corrente artistica del novecento chiamata Surrealismo. Il suo stile è definito illusionismo onirico e cerca in ogni modo di rappresentare il lato misterioso e oscuro della realtà. Per stupire e incantare l’osservatore, cerca inoltre di disporre gli oggetti comuni e quotidiani in contesti impensabili e fuori dal comune.

520px-Vincent_van_Gogh_-_The_Church_in_Auvers-sur-Oise,_View_from_the_Chevet_-_Google_Art_Project.jpg
La chiesa di Auvers – sur- Oise

Nella storia della pittura moderna vi è un esempio di compresenza di buio e luce precedente all’opera di Magritte: a realizzarlo fu Vincent Van Gogh: negli ultimi anni della sua vita dipinse La chiesa di Auvers – sur- Oise. L’edificio pone idealmente lo spettatore al centro del sentiero raffigurato, prima che questo si biforchi nei due viottoli. I colori accessi in primo piano evocano una giornata assolata; nella parte alta del quadro, poi, non solo non splende il sole, ma il blu cobalto e intenso del cielo suggerisce la profondità della notte. Nell’opera di Van Gogh, però, nulla ha contorni precisi e definiti: tutto è come alterato dalla forza emotiva del pittore. Magritte, invece, impiega un tecnica pittorica accademica, quasi illusionistica.

Marica Di Giovanni 

 

 

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: