Tonya (I, Tonia, Craig Gillespie, 2017)
Biografico, 120’
Giovedì 2 dicembre, ore 21.20, su Rai3

Tonya (Margot Robbie) è una giovane pattinatrice promettente ma un po’ ignorantella, appartenente al cosiddetto white trash, con una situazione sentimentale e familiare disastrosa. La carriera agonistica sembra cambiarle la vita, fino a quando il suo fidanzato non decide di mettere fuori gioco la sua diretta concorrente.

Vicenda realmente accaduta nel 1994, informazione senza la quale il film perde più forza del preventivato, con importanti sequenze sul ghiaccio, e che mischia un mazzo di generi e sottogeneri (dal biopic, allo sportivo, al mockumentary) non indifferente con una certa sapienza. Contiene un cabaret di personaggi talmente stupidi che da un inizio che diverte, col tempo fan venire l’orticaria e la voglia di aprire un libro.

Gli spietati (The Unforgiven, Clint Eastwood, 1992)

Western, 130’

Venerdì 3 dicembre su Iris alle 21.05

Una prostituta viene sfregiata e le colleghe, come usanza vuole, mettono una taglia sul malvivente. Un certo Kid, che si autoproclama il re dei pistoleri, va a rompere le scatole a Munny (Clint Eastwood), un tempo il più temuto degli outlaws, affinché lo segua nella missione. Torna anche Ned (Morgan Freeman), suo vecchio e saggio compare. Ma a guardia della città c’è uno sceriffo autoritario (Gene Hackman) che non vuole casini.

Western cupo ma dall’ironia spiccata – alcune battute e scene strappano la risata – che però non toglie sostanza alle tragedie personali, anzi le esalta rendendole più spesse, più tangibili. I superuomini del western classico non si vedono, forse sono estinti, e allora avanti con i ridicoli, spietati esseri umani.

Federico Benuzzi