BLACK MASS – L’ultimo gangster.

Regia:  Scott Cooper

35071570_un-weekend-esplosivo-con-black-mass-hotel-life-1

“Dammi un cazzotto, ma dammelo forte! Perché se mi rialzo poi ti mangio!”

Dall’8 ottobre è presente nella programmazione cinematografica italiana uno dei più attesi film dell’anno, Black Mass- L’ultimo gangster. La sorprendente storia di James Joseph Burger, il noto criminale statunitense divenuto il 458° criminale tra i più ricercati dall’F.B.I e catturato nel 2011 dopo anni di latitanza e con un bel bagaglio comprensivo di omicidi, spaccio, prostituzione e chi più ne ha più ne metta è stata fedelmente e perfettamente ricostruita in questo film grazie alla regia straordinaria di Scott Cooper e all’eccellente interpretazione dell’attore divenuto celebre per le sue molteplici facce: Johnny Depp. A cominciare da Edward mani di forbice per poi passare ad uno Swenne Todd terrificante e molti molti altri ancora fino ad arrivare a questo. La sua capacità di adattarsi ed immedesimarsi nel personaggio stupisce ancor oggi e si può dire che qui davvero l’attore protagonista ha superato se stesso. Una sensazione unica guardare i primi piano del personaggio e sentir partire un brivido freddo dalla schiena per poi sobbalzare ad ogni suo piccolo movimento, quasi portare le mani agli occhi durante i brutali omicidi e poi stupirsi del suo essere dolce (si fa per dire) con le persone a lui care. Il freddo criminale opera per le strade di Boston stringendo un’alleanza con l’agente F.B.I John Connolly verso un nemico comune. La trama, seppur trattando nuove icone criminali è già vista. Il criminale, il nemico, le talpe, la corruzione e morti ovunque. Basato su una storia vera come ogni film di questo genere che si rispetti è molto attinente alla fonte storica eppure un film semplice, capace di colpire in molti con il suo essere scorrevole, non troppo intrecciato e vuoto di scene superflue. Se l’intento era di raccontare semplicemente una tragica storia della nostra società, è riuscito alla perfezione. Vivissimi complimenti ai truccatori che hanno reso Johnny Depp quasi irriconoscibile e al regista che ha saputo usare una chiave di lettura che al pubblico mondiale piace molto, ossia il non complicare le cose ma far vedere semplicemente la realtà spalmata sullo schermo.

Inva S.C

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...