Pan – Viaggio sull’isola che non c’è

cjznj-iuwaecofz-jpg-large

Joe Wright, regista di Orgoglio e Pregiudizio, Espiazione e Anna Karenina, questa volta ci propone una rivisitazione, dalla sceneggiatura di Jason Fuchs, di come inizia la tanto amata favola di Peter Pan (creata da J. M. Barrie).
Il lungometraggio narra di Peter che viene abbandonato, dalla mamma ancora in fasce, sulla soglia di un orfanotrofio vicino ai giardini di Kensington.
Il piccolo Peter, che inizialmente sembra uscito da un romanzo di Dickens, cresce durante la Seconda Guerra Mondiale e nel corso di un bombardamento aereo verrà rapito dai pirati insieme ad altri orfani.
Da questo momento verremo trasportati in un mondo che ricorda un mix di film tra l’ Alice in Wonderland (di Tim Burton) e quelli della serie di Pirati dei Caraibi.
Prima di immergerci nella visione dobbiamo dimenticare la favola, per come la conosciamo, qui Peter ama la sua mamma e farà di tutto per ritrovarla.
Ad affiancarlo non c’è, almeno per il momento, la figura della dolce e fedele Trilli, al suo posto troviamo l’enigmatico e ambivalente James Hook (Giacomo Uncino) e l’agguerrita Giglio Tigrato figlia del capo tribù dei nativi dell’isola.
Saranno loro ad aiutare nei momenti di difficoltà l’irriverente e a volte capriccioso Peter, che in questo episodio affronterà lo spietato e temuto pirata Barbanera.
Alle prese con il suo primo film fantasy, Joe Wright, è riuscito a creare un’atmosfera fatata, ricca di colori e di paesaggi incantati, degna dell’immaginazione di un bambino, completamente diversa dal cartone animato della Disney e dal Peter Pan di J. N. Howard.
Può essere considerato esagerato e stancante il mix di stili che passano dal Barocco al Punk, sia nei costumi che nei design interni.
Peter Pan è interpretato dal tredicenne australiano Levi Miller, strabiliante giovane promessa alle prese con il suo primo ruolo da protagonista.
Il resto del cast è composto da attori piuttosto conosciuti come il candidato all’Oscar Hugh Jackman, che qui interpreta il temuto pirata sociopatico Barbanera.
La mamma di Peter, Mary, è impersonata da Amanda Seyfried (I Miserabili), la candidata all’Oscar Rooney Mara (Uomini che odiano le donne) è invece Giglio Tigrato e Garrett Hedlund (Troy) è James Hook. Il “buon vecchio” Spugna è qui interpretato da Adeel Akhtar (Four Lions) e naturalmente non mancano le sirene e il coccodrillo.
La musica composta dal premio Oscar Dario Marianelli (Espiazione) viene alternata ai Nirvana (Smell Like Teen Spirite) e ai  Ramones (Blitzkrieg Pop).
Adesso siete pronti a conoscere come ha inizio la storia? Volete immergervi in una nuova avventura? Riuscirete a far riemergere il bambino che eravate per farvi emozionare e riempirvi di magia?
Da giovedì 12 Novembre 2015 sarà in tutte le sale cinematografiche! Non potete sbagliare, la strada la conosciamo tutti, basta alzare gli occhi al cielo e guardare le stelle!

Carolina C. Minguzzi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...