Dai Cabrera a One Glass Eye: Intervista a Francesco Galavotti

Francesco Galavotti

Qualche giorno fa ho avuto modo di scambiare due parole con il giovane cantautore emergente (nonché ex collega damsiano) Francesco Galavotti in una lunga e piacevole chiacchierata via Skype parlando dei suoi progetti musicali. A voi un piccolo estratto.

 

Per prima cosa potresti presentarti ai nostri lettori?

Mi chiamo Francesco e vengo da Casinalbo, un ridente paesino nella provincia di Modena, suono da quando avevo 13 anni e da circa 3 anni sono impegnato con la band Cabrera. Da tre mesi ho iniziato un progetto solista (One Glass Eye), sono chitarrista e cantante.

 Com’è iniziato il tuo percorso musicale?

Mio papà mi ha regalato una chitarra quando ho compiuto 10 anni e ho iniziato suonando in parrocchia, poi crescendo ho cominciato a suonare rock in piccole cover band ma siccome non avevo voglia di imparare le cover ho iniziato a scrivere brani miei.

Cosa ti ispira quando scrivi? E quali sono le tue influenze musicali?

Ti direi una balla se affermassi che non scrivo apertamente di donne e storie tristi (ride), avevo provato l’ambito socio-politico agli inizi ma non è durato. Nel mio disco solista, invece, parlo della mia infanzia molto felice e particolare. Musicalmente ho iniziato con Radiohead, Foo Fighters, Pearl Jam per poi arrivare al post-rock e alla scena emo revival senza mai abbandonare De Andrè e i Bluvertigo. Ultimamente mi sto approcciando al rap.

Da poco con i Cabrera hai registrato un nuovo album, parlacene un po’.

Tecnicamente rispetto all’album precedente quest’ultimo è stato registrato a tracce separate e non in presa diretta. Stilisticamente, se il primo era un classico album post-hardcore questo invece è più pop/alt rock/post rock con meno urla. Il mix lo faremo a Luglio e obiettivamente uscirà nel 2017.

Quale è stata la vostra più grande soddisfazione finora?

Beh siamo partiti suonando nelle sagre di paese e siamo arrivati a condividere il palco con band quali And So I Watch You From Afar, The Get Up Kids, Gazebo Penguins e Fine Before You Came grazie soprattutto a persone speciali che hanno creduto in noi. Muoversi nell’ambito indipendente è sempre faticoso. Sono stati  alcuni fan a farci suonare in posti dove non avremmo mai pensato di suonare.

Ci parli del tuo progetto solista: One Glass Eye?

Il progetto è partito come una sfida: volevo vedere quanto velocemente riuscissi a fare un disco da solista che mi soddisfacesse. Per dare credibilità ai testi in inglese ho chiesto una mano ad Andrea Dellapiana, il quale non solo mi ha corretto i testi ma ha anche messo su un’etichetta per far uscire il disco. Da qui è nato un bel rapporto di amicizia: lui, supportando completamente il progetto, è diventato in qualche modo secondo membro di One Glass Eye. Tra Settembre e Ottobre uscirà il disco.

Ultima domanda: con chi ti piacerebbe lavorare, se potessi scegliere?

Domanda difficile, probabilmente con Jacopo Lietti per perfezionare la scrittura dei testi e con Jonny Greenwood per scoprire come faccia a fare ciò che fa con la chitarra.

Immagineintervista

Intervista di: Marco Andreotti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...