La situazione delle sale italiane si mantiene decisamente sottotono, con un mercato che ancora naviga al di sotto del 20% rispetto al suo potenziale, sostenuto principalmente dall’apporto delle arene estive. Uno scenario che, nell’assenza di nuove uscite, fatica a mantenere il passo delle scorse settimane, come dimostrano i dati dell’ultimo weekend, in calo del 12.2% rispetto a quello precedente.

Al primo posto ritroviamo il film di Gabriele Muccino Gli anni più belli, con € 31.429 (5.5 milioni il totale), seguito dall’irriducibile Parasite che incassa ancora € 18.929 (anche in questo caso una cifra esigua rispetto al totale di 5.6 milioni di euro).  Terza posizione per il dramma dei fratelli D’Innocenzo Favolacce, che con  € 17.633 settimanali raggiunge i € 117.628 complessivi, superando i € 114.606 de I Miserabili (quarto con € 16.613) e diventando così il maggiore incasso dalla riapertura delle sale avvenuta lo scorso 15 giugno.

Altra vecchia conoscenza al quinto posto, con La Dea Fortuna di Ozpetek, i cui € 14.048 si sommano agli 8.2 milioni totali, mentre in sesta piazza rientra Piccole donne che raccoglie altri € 12.665, per un totale che avvicina i 6 milioni di euro.

Si mantiene nella top 10 anche il fenomeno Joker, settimo con € 12.170 (nulla rispetto al folle totale di 29.6 milioni), cui segue Odio l’estate, nuovamente in classifica con € 11.833 e 7.4 milioni complessivi.
Scende in nona posizione il film di Taika Waititi Jojo Rabbit, che rastrella altri € 11.445 che gli permettono di sfondare la soglia dei 4 milioni totali, mentre in chiusura torna a fare capolino tra i maggiori incassi su suolo italiano l’ultimo film di Woody Allen Un giorno di pioggia a New York, con € 10.802 settimanali e 3.5 milioni da dicembre ad oggi.

Andrea Pedrazzi

Fonte dati: Cinetel, Cineguru